Contenuto principale

Messaggio di avviso

Saldo 16 dicembre 2019

I versamenti sono da effettuarsi in autoliquidazione, pertanto i contribuenti non riceveranno dal Comune modelli di pagamento F24.

codici tributo
IMU
3912 ABITAZIONE PRINCIPALE E PERTINENZE 3961 ALTRI FABBRICATI
3916 AREE FABBRICABILI
3918 ALTRI FABBRICATI
3925 IMMOBILI CATEGORIA “D” STATO
3930 IMMOBILI CATEGORIA “D” INCR. COMUNE

TASI
3961 ALTRI FABBRICATI

CODICE CATASTALE B996

Ravvedimento in caso di mancato versamento entro le scadenze per acconto e saldo:
                                                                               
    Ravvedimento entro le prime due settimane alla scadenza: Sanzione dello 0,1% giornaliero più interessi per ogni giorno di ritardo entro 14 giorni dalla scadenza;                                                                         
   Ravvedimento breve: Sanzione fissa del 1,5% più interessi giornalieri per pagamento dal 15° al 30° giorno di ritardo dalla scadenza;

Ravvedimento medio: Sanzione fissa dell’1,67% più interessi giornalieri per pagamento dopo il 30° giorno e fino al 90° giorno dalla scadenza;

    Ravvedimento lungo: Sanzione fissa del 3,75% dell’importo più interessi giornalieri per pagamento dopo il 90° giorno di ritardo ed entro il termine di  presentazione della                  dichiarazione relativa all’anno in cui è stata commessa la violazione o, nel caso in  cui non sia prevista la dichiarazione, entro il termine di un anno;

Per il calcolo degli interessi sul ravvedimento operoso il tasso da applicare, a partire dal 1° gennaio 2019, è pari allo 0,8% annuo.

L’ufficio tributi è a disposizione per i conteggi IMU e TASI e per la stampa del modello F24, dietro presentazione, da parte del contribuente, di idonea documentazione, nei seguenti giorni ed orari di apertura al pubblico:

MARTEDI’ 10.00 – 12.30 17.00 – 19.30
GIOVEDI’  10.00 – 12.30
SABATO   10.00 – 12.30

Contatti: Telefono 039/9213230-244-227- e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sul sito internet del Comune è disponibile il programma di calcolo online IUC

IMU
Con deliberazione di Consiglio Comunale n. 9 dell’11/03/2019 sono state deliberate le seguenti aliquote per l’anno di imposta 2019:
- 6,00 ‰ → abitazioni principali nelle sole categorie catastali A/1, A/8 e A/9, oltre una pertinenza per ciascuna delle categorie catastali C/2, C/6 e C/7.
Detrazione di € 200,00 rapportata al periodo dell’anno durante il quale si protrae la destinazione dell’immobile ad abitazione principale; tale detrazione è fruita fino a concorrenza dell’ammontare dell’imposta dovuta.
- 6,30 ‰ → immobili rientranti nelle categorie catastali da A/2 a A/7 oltre una pertinenza per ciascuna delle categorie catastali C/2, C/6 e C/7 concessi gratuitamente a famigliari di primo grado in linea retta (genitori/figli).
E’ obbligatorio di presentare entro il 30/06/2020 l’apposita autocertificazione predisposta dal Comune.
- 8,9 ‰ → immobili diversi dalle precedenti tipologie ed aree fabbricabili.

Riduzione per comodato d’uso gratuito a famigliari di primo grado in linea retta (genitori/figli)
Fermo restando i presupposti e gli obblighi per l’applicazione dell’aliquota agevolata, per l’anno 2019 è possibile applicare anche la riduzione del 50% della base imponibile nel caso in cui vengano rispettate tutte le condizioni di cui all’art. 1 comma 10 Legge n. 208/2015 (legge di stabilità 2016), quali:
il comodante deve possedere non più di due immobili ad uso abitativo in Italia, di cui uno adibito a propria abitazione principale e l’altro da concedere in comodato, a condizione che quest’ultimo sia adibito ad abitazione principale da parte del comodatario;
• il comodante deve avere residenza e dimora nello stesso comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato;
• il contratto di comodato deve essere registrato presso l’Agenzia delle Entrate;
• entrambe le abitazioni non devono essere di categoria catastale A1-A8-A9;
obbligo di presentazione entro il 31/12/2020 della dichiarazione IMU attestante il possesso dei suddetti requisiti.
L’agevolazione è applicabile anche ad una pertinenza per ciascuna delle categorie catastali C/2, C/6 e C/7 e decorre dalla data di stipula del contratto di comodato, tenuto conto che il mese durante il quale il possesso si è protratto per almeno 15 giorni è computato per intero.

Esenzione per terreni agricoli
Per l’anno 2019 i terreni agricoli sono esentati dal pagamento dell’IMU, in quanto, per il territorio del Comune di Cassago Brianza, sussistono le condizioni di cui all’art. 1 comma 13 della Legge di stabilità 2016.

TASI
Con deliberazione di Consiglio Comunale n. 10 dell’11/03/2019 sono state deliberate le seguenti aliquote per l’anno di imposta 2019:
- 2,50 ‰ → immobili costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati (c.d. beni merce)
- 0,70 ‰ → immobili rientranti nelle categorie catastali A/10, C/3, C/4, C/5 e D
- 0,60 ‰ → immobili rientranti nella categoria catastale C/1
- 0,00 ‰ → immobili diversi dalle precedenti tipologie, immobili strumentali all’attività agricola ed aree fabbricabili

Nel caso in cui le tipologie di immobili sopraindicate (ad esclusione dei c.d. beni merce) siano occupate da soggetti diversi dal titolare del diritto reale sull’unità immobiliare, entrambi sono autonomamente obbligati al pagamento del tributo come segue:
Occupante (affittuario, ecc.): 30%
titolare del diritto reale (proprietario, usufruttuario, ecc.): 70%

Dichiarazione
La dichiarazione IMU/TASI per le variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta intercorse nell’anno 2019 va presentata entro il 31 dicembre 2020 (art. 3 ter DL 34/2019 convertito con Legge 58/2019). La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi sempreché non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell’imposta dovuta. Con Decreto del ministero dell’economia e delle finanze del 30/10/2012 è stato approvato, con le relative istruzioni, il modello di dichiarazione IMU da utilizzare nei casi espressamente indicati nelle stesse istruzioni.